martedì 12 aprile 2022

come un fiore al sole

 


Ho preferito rimanere lontana dai social per non incappare nell’errore di scegliere una parola che poteva scatenare emozioni legate alle diverse sensibilità con cui ognuno reagisce agli eventi che ci trasciniamo addosso da troppo tempo, e mi riferisco alla sofferenza provocata dal covid e dalla guerra.

Non giudichiamo le parole che vengono scelte nella solitudine di una stanza, davanti ad uno schermo che è diventato l’unico nostro punto di riferimento; quelle parole sono anime che hanno bisogno di essere liberate, nel bene e nel male.

Ho trovato stucchevole le critiche rivolte ad alcuni autori rispetto che ad altri, in una logica divisiva.

Chiunque critica una creazione non ha nulla a che vedere con “la creazione”.

La verità prima o poi racconterà la Storia; che sia di una microsocietà o la storia dell’umanità: per la creazione è già storia.

Pubblicare una novella in questo momento è un pochino rischioso; tuttavia, essere audaci spesso annulla la paura.

Questo, per ora, è l’unico messaggio che mi sento di effondere dalla mia isolata postazione: volgiamo lo sguardo al futuro senza avere paura!

0 commenti:

Posta un commento